Chi Siamo

Chi Siamo

Movimento per l'infanzia

Il Movimento per l’Infanzia nasce dall’idea che i bambini sono una categoria sociale discriminata, che la società civile moderna è ancora oscurata da modelli adultocentrici che permettono che nel mondo milioni di bambini muoiano di fame, siano impiegati nel lavoro, nelle guerre, siano vittime di violenze sessuali, nel sostanziale immobilisimo di una società adulta che sembra indifferente e impotente innanzi a questa ecatombe della coscienza.

Il Movimento per l’Infanzia propone di aggiungere alle opere di carità il riconoscimento autentico e concreto dei diritti dei bambini, aggiungere cioè all’aiuto che può arrivare ad alleviare la sofferenza di qualche bambino, una nuova cultura politica, sociale e giuridica che imponga ai popoli il rispetto del periodo sacro e inviolabile della vita: l’infanzia.

I bambini hanno diritto ad un’infanzia serena, protetti dall’egoismo, dalle inquetudini, dalla violenza e dalle perversioni degli adulti, solo assicurando il rispetto e l’armonia delle relazioni ai bambini potremo sperare un giorno di vivere in un modno che conosca davvero la pace.

La maggior parte della violenza e dell’egoisimo che c’è nel mondo proviene da un’infanzia negata, i costi sociali, umani ed economici che si pagano sono incalcolabili.

Solo una nuova coscienza, una nuova cultura a favore dell’Infanzia potrà assicurare un futuro sereno ad una umanità che pare sempre più smarrita.

Il “Movimento per l’Infanzia” è un’associazione nazionale che si pone l’obiettivo di promuovere una nuova cultura a favore dell’infanzia attraverso il contrasto all’adultocentrismo, valorizzando e promuovendo i principi dell’intelligenza emotiva, cercando di orientare le scelte politiche, la destinazione delle risorse, la sensibilità culturale del nostro tempo verso i bisogni dei bambini e favorendo la scoperta della ricchezza dei valori cui i bambini sono naturali custodi. La proposta culturale e politica del Movimento ha un carattere universale in quanto si rivolge alle radici affettive, psicologiche, emotive, relazionali, ancestrali dell’uomo, perché si rivolge, nel medesimo tempo, al passato e al futuro dell’umanità.

Solidarieta'
%
Formazione
%
Promozione
%
Giurisprudenza
%

“L’atteggiamento che una società riserva all’infanzia indica il grado di civiltà e i valori della cultura che ne è espressione. Una società che non è in grado di proteggere e far crescere i bambini secondo i bisogni psicologici ed emotivi che essi esprimono, che non ne valorizza le potenzialità razionali e creative e non sa dare ascolto e risposta alle istanze affettive ed emotive non ha futuro o ha un futuro carico di incertezze e minacce. Date queste premesse, la nostra cultura – intesa anche come responsabilità globale nei confronti dei bambini del mondo – è insensibile e disattenta nei confronti dell’infanzia rimandando ad un incerto futuro il momento in cui pagare il prezzo della colpevole trascuratezza della questione infantile.”

(cap. I – Il bambino e i suoi bisogni – libro bianco sull’infanzia – Movimento per l’Infanzia)

IL MOVIMENTO PER L'INFANZIA:

Svolge un’attività di promozione culturale, di formazione e sensibilizzazione sia nei confronti dei propri soci che delle istituzioni e dell’opinione pubblica in genere.
Organizza azioni di sostegno e solidarietà nei confronti di bambini e famiglie vittime di situazioni di disagio
Promuove e realizza convegni, seminari, laboratori di studio, pubblicazioni per favorire la ricerca su temi che riguardano l’infanzia.
Definisce e propone soluzioni normative in tema di infanzia e ne cura l’iter di l’approvazione e la corretta applicazione.